lunedì 3 agosto 2015

Pd: il partito che litiga e dimentica i cittadini

Non c'è niente di più noioso e irritante dei partiti che passano il tempo a parlare di se stessi. 
Cari politici del Partito Democratico, i cittadini vi pagano per affrontare i loro problemi, non per combattere le vostre guerre interne. 
Sono 10 anni che mentre ci fate assistere alle vostre lotte tra correnti, avete perso totalmente il contatto con i problemi della gente. Incontro sempre più elettori del Pd disgustati da queste corse per il potere. 
Molti mi chiedono che fine abbia fatto il programma elettorale del Pd che avevano votato nel 2013. Ne avete notizia?
La settimana scorsa con una semplicità disarmante, hanno tagliato altri 2,3 miliardi di euro alla sanità e salvato Azzolini dall'arresto. Per queste schifezze i voti li trovano sempre, ma toccagli le poltrone in Rai o la legge elettorale e subito minacciano il Vietnam.
Ci sono imprese in Italia che attendono l'abolizione di Equitalia da anni. 9 milioni di cittadini italiani chiedono una formazione professionale attraverso il reddito di cittadinanza, mentre i partiti passano il tempo a guardarsi l'ombelico.
Le istituzioni non sono un posto per far stare meglio chi le occupa. Ma uno strumento attraverso cui migliorare la vita di chi è fuori.
Se al Pd non sanno fare altro che litigare, se ne vadano a casa, hanno scambiato il Parlamento e il Governo per una riunione di condominio.