venerdì 30 gennaio 2015

I risultati del M5S! News dalla Sicilia.

#risultatiM5S
Sono davvero felice di poter diffondere questa notizia che arriva dalla Sicilia. Grazie al taglio degli stipendi dei deputati M5S all’Assemblea Regionale Siciliana è stato possibile attivare il fondo per il Microcredito alle imprese della regione e sono già 23 le aziende (di cui dieci start-up) che ne hanno potuto usufruire e che sono state finanziate. In due anni i nostri deputati siciliani hanno contribuito al fondo con 1 milione e 100 mila euro, di cui 550 mila sono stati già erogati. Quasi 150 imprese potranno quindi accedere al prestito nella prima fase del progetto. Anche la storica fabbrica di birra Messina, che aveva chiuso mesi fa, potrà continuare la produzione. I dipendenti hanno infatti deciso di tenere in vita il marchio con il sostegno del fondo. “Avremmo potuto fare molto di più se solo gli altri deputati avessero aderito alla nostra proposta e se questo divenisse un modello per tutta la Regione” ha detto il nostro Giorgio Ciaccio. Noi del Movimento 5 Stelle facciamo così.

Il Presidente della Repubblica lo facciamo scegliere ai cittadini #renzifuoriinomi

Con il metodo M5S i cittadini saranno al centro dell'elezione del nuovo Presidente della Repubblica. Renzi faccia i nomi in maniera trasparente, noi li faremo selezionare in rete ai cittadini e così decideremo chi votare il 29 gennaio, data del primo scrutinio per l'elezione del dodicesimo Presidente della Repubblica. 
Vogliamo eleggere un Capo dello Stato patrimonio degli Italiani. #renzifuoriinomi

#imposimato #pdr #partecipazione

I partiti hanno una sola persona che impone il nome da scrivere sulla scheda a oltre 400 Parlamentari. Noi con le quirinarie abbiamo 51.000 cittadini italiani che indicano il nome da votare come Presidente della Repubblica a129 parlamentari M5S.
#partecipazione #imposimato.
Ecco la mia intervista di ieri sera a scrutini chiusi http://goo.gl/UrkrDA



giovedì 29 gennaio 2015

#nonsoloquirinale


‪#‎nonsoloquirinale‬ E' vero, attualmente il tema principale è il Presidente della Repubblica, ma non dimentichiamo i problemi delle persone comuni che con tutto il rispetto per l'importante appuntamento istituzionale, hanno ben altre priorità che il toto-nomi sul Quirinale. 

Una di queste è la sicurezza. Dobbiamo potenziare le forze dell'ordine anche prendendo risorse e mezzi dagli sprechi d Stato. Il mio emendamento sulle auto blu è latitante a palazzo Chigi da nove mesi. Ecco la vicenda http://goo.gl/xUyoMn


mercoledì 28 gennaio 2015

Presidente della Repubblica: assemblea dei Parlamentari del M5s

L'assemblea dei Parlamentari M5S per decidere il nuovo Presidente della Repubblica sarà in streaming dalle ore 9:00 a questo indirizzo http://bep.pe/PresidenteM5S
Nelle ore successive tutti i cittadini iscritti alla nostra applicazione potranno esprimersi sul Presidente della Repubblica che vorrebbero. 

lunedì 26 gennaio 2015

Il voto in Grecia : quanto paga la coerenza in politica

La forza politica greca "Syriza" nel 2007 si è presentata alle elezioni parlamentari ottenendo circa il 5%, dopo 5 anni il 16% e dopo pochi mesi il 26%. Nonostante l'exploit ottenuto, ha deciso di restare coerentemente all'opposizione, prendendosi le solite critiche sui voti "congelati". Con loro non ci accomunano certamente la forte ideologizzazione di sinistra (il Movimento non è né di destra né di sinistra) e le posizioni troppo indecise sull'Euro. Ma sicuramente abbiamo in comune alcune scelte nel nostro percorso politico, su tutte quella di avere il coraggio di fare opposizione e di non allearsi con chi è complice di quest'Europa delle banche e dei poteri forti.Oggi "Syriza" è stata premiata dai cittadini greci, diventando la prima forza politica del Paese e vincendo le elezioni greche. Adesso spero che passino dalle parole ai fatti e in questa giornata vorrei dare un consiglio non richiesto ad Alexis Tsipras: stai lontano da Matteo Renzi, la sua ipocrisia è pericolosa.

martedì 20 gennaio 2015

Opentg.it : monitoriamo i Telegiornali

Da oggi tutti voi avete a disposizione uno strumento in più per monitorare il pluralismo politico nei telegiornali nazionali. Si tratta di Open Tg ed è un sito che ha  presentato Roberto Fico  ieri alla stampa. 
Foto: Da oggi tutti voi avete a disposizione uno strumento in più per monitorare  il pluralismo politico nei telegiornali nazionali. Si tratta di Open Tg ed è un sito che ho presentato oggi alla stampa. Accedendo a www.opentg.it potrete consultare in modo semplice e trasparente i dati che riguardano il tempo fruito da partiti, movimenti e istituzioni nei tg nazionali e verificare il rispetto del pluralismo grazie all'uso di grafici interattivi. Il sito è chiaramente a disposizione di tutti: cittadini, ma anche degli stessi partiti e movimenti che potranno utilizzare i dati per le loro elaborazioni e riflessioni. Non era mai stato fatto prima. Troverete inoltre un archivio con deliberazioni e risoluzioni dell'Agcom e della Vigilanza Rai sullo stesso tema nonché le più recenti pronunce giurisdizionali sulla parità di trattamento, e un vademecum che in dieci punti offre una panoramica sulla disciplina della par condicio. Il pluralismo è indispensabile per uno Stato democratico. Per questo va preservato, tutelato e monitorato. Buona navigazione!
Accedendo a www.opentg.it potrete consultare in modo semplice e trasparente i dati che riguardano il tempo fruito da partiti, movimenti e istituzioni nei tg nazionali e verificare il rispetto del pluralismo grazie all'uso di grafici interattivi. Il sito è chiaramente a disposizione di tutti: cittadini, ma anche degli stessi partiti e movimenti che potranno utilizzare i dati per le loro elaborazioni e riflessioni. Non era mai stato fatto prima. Troverete inoltre un archivio con deliberazioni e risoluzioni dell'Agcom e della Vigilanza Rai sullo stesso tema nonché le più recenti pronunce giurisdizionali sulla parità di trattamento, e un vademecum che in dieci punti offre una panoramica sulla disciplina della par condicio. Il pluralismo è indispensabile per uno Stato democratico. Per questo va preservato, tutelato e monitorato. Buona navigazione!

lunedì 19 gennaio 2015

Sostegno alle start-up innovative (Smart & Start): da febbraio 2015 la presentazione delle domande

 
Con circolare del Ministro dello sviluppo economico n. 68032 del 10 dicembre 2014 sono stati definiti aspetti rilevanti per l’accesso alle agevolazioni e il funzionamento del regime di aiuto finalizzato a sostenere la nascita e lo sviluppo, su tutto il territorio nazionale, di start-up innovative, di cui al decreto ministeriale 24 settembre 2014.
Le domande di agevolazione potranno essere presentate dal 16 febbraio alle ore 12 esclusivamente per via elettronica, utilizzando la procedura informatica messa a disposizione sul sito internet www.smartstart.invitalia.it secondo le modalità e gli schemi ivi indicati; tali schemi saranno resi disponibili dal Soggetto gestore in un’apposita sezione del sito sopra indicato almeno 10 giorni prima dell’apertura dello sportello.

Le agevolazioni finanziarie:
Smart&Start Italia  riconosce un mutuo senza interessi della durata massima di 8 anni di valore pari al 70%  delle spese agevolabili.
L’importo del finanziamento agevolato è pari all’80% delle spese ammissibili nel caso in cui la  società sia interamente costituita da donne e/o da under 36 oppure preveda la presenza di almeno un esperto con titolo di dottore di ricerca (o equivalente) da non più di 6 anni e impegnato stabilmente all'estero in attività di ricerca o didattica da almeno un triennio.
Alle start-up innovative localizzate nelle regioni Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sardegna, Sicilia e nel territorio del cratere sismico aquilano , è riconosciuta una quota di fondo perduto, in quanto l’impresa dovrà restituire solo l’80% del finanziamento ricevuto.

Normativa di riferimento

Assistenza telefonica
Per informazioni generali sulle caratteristiche di Smart&Start potete chiamare il numero azzurro 848.886886(*) attivo dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 18:00
Assistenza via mail
Per informazioni e richieste specifiche sull’incentivo  Smart&Start vi invitiamo a compilare il Contact Form dedicato.
 (*) Addebito con ripartizione a tempo che prevede un costo al chiamante pari alla tariffa urbana a tempo per le chiamate da rete fissa. Per le chiamate da rete mobile la quota è definita dal singolo operatore

giovedì 15 gennaio 2015

Il dodicesimo Presidente della Repubblica Italiana

Il Parlamento in seduta comune è stato convocato per il 29 gennaio alle ore 15:00. Quel giorno ci sarà il primo scrutinio per eleggere il nuovo Presidente della Repubblica. L'assise è composta di 1008 grandi elettori tra Senatori, Deputati e delegati regionali. Ogni scrutinio durerà circa mezza giornata. Nei primi tre, per eleggere il nuovo PdR, ci sarà bisogno dei 2/3 degli aventi diritto - cosiddetta maggioranza qualificata. Dal quarto scrutinio in poi basterà la maggioranza più uno degli aventi diritto - cosiddetta maggioranza assoluta. E' verosimile che il 29 gennaio si svolga un solo scrutinio. Dal giorno dopo se ne svolgeranno almeno due.
Come nelle migliori delle tradizioni italiche, sul Quirinale nei prossimi giorni circoleranno notizie circa le posizioni del Movimento 5 Stelle e quelle delle altre forze politiche: tutta spazzatura.
Da che Italia è Italia, nei giorni precedenti alle elezioni del nuovo Capo dello Stato, si assiste al solito toto-quirinale giornalistico alimentato da dichiarazioni inventate o manipolate. E come nelle migliori delle tradizioni, nessuna di quelle notizie si rivela mai giusta. Così sarà anche per l'elezione del dodicesimo Presidente della Repubblica Italiana.
Da oggi fino al 29 gennaio ci sono un mucchio di altre cose da fare:
- alla Camera c'è da difendere la Costituzione
- al Senato la legge elettorale
- Beppe Grillo incontrerà il Presidente di Libera Don Ciotti il 22 gennaio per sostenere la nostra legge sul reddito di cittadinanza,
- il grande evento de "La Notte dell'Onestà" il 24 gennaio in Piazza del Popolo a cui siete invitati tutti e se potete lasciate una donazionehttp://goo.gl/t7WEzz
- la difesa del DDL anticorruzione in cui stanno inserendo di nuovo la norma "salva berlusconi",
- il lancio di nuove imprese grazie ai dieci milioni di euro che ci siamo tagliati dai nostri stipendi
- un rapporto più solido da costruire con i gruppi locali del Movimento 5 Stelle come da ultimo post http://goo.gl/2Z7cSr
e tanto altro...
Sul Quirinale per ora gira solo spazzatura: analisi improbabili, interviste manipolate, editoriali di dubbia valenza, strategie interne totalmente inventate.
Diffidiamone. Voliamo alti. Siamo il Movimento 5 Stelle.

Rimborsopoli Campania: la Regione non si costituisce parte civile.

7 consiglieri regionali della Campania (5 attualmente in carica) imputati per truffa, falso e peculato per lo scandalo dei rimborsi falsi ottenuti con i soldi per le spese di Comunicazione dei gruppi. Ieri la Procura di Napoli ha richiesto al Gup di processarli. 

E' una vicenda già nota, rientra nel filone d'inchiesta iniziato due anni fa con l'inchiesta che vide coinvolto "Batman Fiorito" alla Regione Lazio, poi allargatasi a macchia d'olio ad altre Regioni.
La notizia che mi ha fatto indignare ancora di più è questa: la Regione Campania, parte lesa, ha subito una truffa per un milione di euro, non si è immediatamente costituita parte civile nel processo. Non è ammissibile in un paese civile! La mancata costituzione, consentirà ai consiglieri imputati di ricandidarsi, con la costituzione dell’ente di palazzo Santa Lucia sarebbero potuti diventare ineleggibili.
C'è tempo sino alla prima udienza del dibattimento per la Regione Campania di costituirsi e far rispettare i diritti dei cittadini campani. Per una volta si schierino dalla parte dell'onestà!

mercoledì 14 gennaio 2015

Per non dimenticar la libertà! La #nottedellonestà, con Dario Fo

Riproduci videoLa Notte dell'Onestà il 24 gennaio a Roma in piazza del popolo a partire dalle 17.00. Gli onesti di tutta Italia sono invitati a partecipare! Insieme a noi ci saranno Sabina Guzzanti, Dario Fo, Jacopo Fo, Fedez, Salvatore Borsellino, Ferdin...ando Imposimato, Enrico Montesano, Andrea Sartoretti, Claudio Santamaria e Claudio Gioè che reciteranno brani tratti dalle intercettazioni di Mafia Capitale e tanti altri che stanno dando la loro adesione in queste ore. Sostieni l'evento con una donazione! Ti aspettiamo! Alessandro Di Battista è andato a trovare Dario Fo per raccogliere la sua testimonianza. Di seguito il resoconto dell'incontro. 


Per la #nottedellonestà ci siam trovati a parlar di politica, musica e cultura, per non dimenticar la libertà. Dario Fo

Alessandro Di Battista: Ciao a tutti! Il 24 Gennaio, non più in piazza S. Apostoli, ma in Piazza del Popolo, faremo un evento dal titolo la Notte Dell'Onestà. Per ribadire l'importanza di mantenere la barra dritta sopratutto in quelle istituzioni. E dare risalto, purtroppo, a MafiaCapitale. Sembra il secolo scorso ma è successo 40 giorni fa questo scandalo. Sono qui con Dario Fo, con il Maestro, è un onore per me. Prima parlavamo del compromesso, di quanto oggi compromettersi con un sistema sia Mafia. Cosa ne pensi?

Dario Fo: Sono più che convinto che bisogna rompere la linea dell'onestà e della chiarezza, per poi realizzare situazioni che siano più convincenti, e soprattutto più arricchenti. Cioè arricchiscono non soltanto il problema del dialogo ma quell'altro problema: dei vantaggi e delle fortune. Che si ottengono in meglio, rompendo una chiarezza di composizione e sopratutto di atteggiamento. Io ci sarà e spero di avere un pezzo utile e divertente.

Alessandro Di Battista: Sul tema in generale prima abbiamo letto un tuo articolo uscito sul Fatto. Un'allegoria, che parte dall'antica Grecia ma in realtà è estremamente attuale.

Dario Fo: Per far capire che quel che studiamo a scuola è tutto fasullo, falso. E quando andiamo a prendere i grandi autori ci accorgiamo che parlano chiaro e senza dubbi di essere fraintesi.
Hanno il coraggio di rompere le convenzioni. E ancora immancabilmente il compromesso non c'è. E quando c'è è visto come una tigna! Che sta rovinando la chiarezza del rapporto tra gli umini e le donne.

Alessandro Di Battista: Il "mondo di mezzo" a Roma è una Tigna. Questo compromesso tra potere criminale e politico è una Tigna. Noi parleremo chiaro! Proveremo a farlo il 24 e ci vediamo in piazza a piazza del Popolo. Ci sarà anche il Maestro Dario Fo!
 

"Napolitano non ci mancherai"

C'è una soluzione pratica e veloce per fermare l'emorragia di disoccupati e di fallimenti in questo Paese: si chiama Reddito di Cittadinanza.
Lo Stato fornisce 780 euro al mese a 10 milioni di poveri per tre anni. Durante questo triennio li forma gli fa un offerta di lavoro che non possono rifiutare, pena la perdita del reddito.
Coloro che percepiranno questi soldi li andranno sicuramente a spendere in esercizi commerciali e imprese per beni di prima necessità. Aumentando il mercato.
A Napolitano avevo rivolto un appello qualche settimana fa, per sensibilizzare le Camere ad approvarlo subito. La nostra proposta di legge è ora in discussione al Senato in Commissione Lavoro.
Se lo avesse fatto, oggi lo avrei ringraziato. Ma il Presidente che ha firmato la riforma Fornero non si è smentito neanche questa volta. E per questo mi sento di dire "Napolitano non ci mancherai"

#nottedellonestà per illuminare il malaffare con tante luci!

La #nottedellonestà, il 24 gennaio a Roma in piazza del Popolo a partire dalle ore 17.00, per illuminare il malaffare con tante luci.

Gli onesti di tutta Italia sono invitati a partecipare! 
Insieme a noi ci saranno Sabina Guzzanti, Fedez, Dario Fo e Jacopo Fo, Enrico Montesano, Salvatore Borsellino, Ferdinando Imposimato, Andrea Sartoretti, Claudio Santamaria e Claudio Gioè che reciteranno brani tratti dalle intercettazioni di Mafia Capitale, e tanti altri che stanno dando la loro adesione in queste ore.

Sostieni l'evento con una donazione! m5s.info/nottedellonesta

martedì 13 gennaio 2015

DA GENERAZIONE TELEMACO ALLA BANDA DEI PROCI

Oggi siamo in Aula. Si discutono le pericolose "Riforme del Nazareno", un altro meccanismo di Pd e Forza Italia per spartirsi qualche poltrona e chiudere altri spazi di democrazia.
Renzi intanto è al Parlamento europeo per chiudere il semestre europeo, sei mesi di nulla. Era una grande occasione per sbloccare credito alle imprese italiane - cambiando i parametri di Basilea ad esempio - e istituire un reddito di cittadinanza per le popolazioni europee ancora sprovviste di questo strumento, sarebbe stata una grande occasione per far rispettare i trattati internazionali in merito all'immigrazione, avviando i rimpatri per coloro a cui non è consentito di restare sul suolo europeo.

Una grande occasione che il Movimento 5 Stelle non avrebbe sprecato. Renzi e il Pd invece lo hanno fatto, non restando immobili, ma addirittura peggiorando la nostra situazione nazionale: record di disoccupazione giovanile e chiusura di un'impresa ogni due ore e mezza. Renzi ha ammesso che nei fatti non è cambiato nulla.

Renzi e il suo Governo in Europa volevano fare i "Telemaco" ma si sono rivelati una banda di "Proci": gli occupanti abusivi della casa di Ulisse che mangiano a danno della sua famiglia. Ma adesso Ulisse tornerà a riprendersi la propria casa, cacciando gli occupanti (dalle istituzioni italiane ed europee).
Ulisse se non è chiaro, sono i cittadini italiani e europei che cacceranno democraticamente dalle istituzioni questi traditori.

Ps. è veramente singolare che Renzi citi a modello di integrazione europea il discorso del Presidente egiziano Abd al-Fattah al-Sisi. Un Presidente arrivato al potere con un Colpo di Stato!

"La Notte dell'Onestà" siete voi! Che ci fanno questi tre insieme?

Foto: Che ci fanno questi tre insieme? 
Abbiamo lanciato un grande evento che si chiama "La Notte dell'Onestà" e che sicuramente avvicinerà altre persone ai temi della legalità e della trasparenza. Il Movimento 5 Stelle è rimasto l'unico fuori dalle inchieste per ruberie di soldi pubblici. Ha il dovere di riunire gli italiani onesti e permettergli di unirsi in una marcia sempre più grande che presto governerà l'Italia. 
Alla nostra marcia si sono già aggiunti Fedez, J-Ax, Enrico Montesano, Claudio Santamaria, Sabina Guzzanti, Salvatore Borsellino, Claudio Gioè e tanti altri. Video http://youtu.be/vY_ztgp11Mg

Il 24 gennaio ci vediamo in Piazza del Popolo dalle 17:00 alle 20:00.  (non più piazza S.S. Apostoli perché troppo piccola per la grandezza dell'evento). Raggiungeteci da tutta Italia e se potete lasciate una donazione per l'organizzazione dell'evento http://goo.gl/ST62qoAbbiamo lanciato un grande evento che si chiama "La Notte dell'Onestà" e che sicuramente avvicinerà altre persone ai temi della legalità e della trasparenza. Il Movimento 5 Stelle è rimasto l'unico fuori dalle inchieste per ruberie di soldi pubblici. Ha il dovere di riunire gli italiani onesti e permettergli di unirsi in una marcia sempre più grande che presto governerà l'Italia. 
Alla nostra marcia si sono già aggiunti Fedez, J-Ax, Enrico Montesano, Claudio Santamaria, Sabina Guzzanti, Salvatore Borsellino, Claudio Gioè e tanti altri.

Guarda qui il video http://youtu.be/vY_ztgp11Mg
Il 24 gennaio ci vediamo in Piazza del Popolo dalle 17:00 alle 20:00. (non più piazza S.S. Apostoli perché troppo piccola per la grandezza dell'evento). Raggiungeteci da tutta Italia e se potete lasciate una donazione per l'organizzazione dell'evento http://goo.gl/ST62qo

lunedì 12 gennaio 2015

Lo spazio per la notte dell'onestà.

Sembra che piazza SS Apostoli sia piccola per la "Notte dell'Onestà". Abbiamo deciso quindi di spostarci in Piazza del Popolo. 
Il 24 Gennaio dalle 17:00 alle 20:00, ci sarà a Roma un evento senza precedenti. Diversi volti noti come Fedez, Claudio Santamaria, Sabina Guzzanti, Salvatore Borsellino, Claudio Gioè interverranno dal palco per continuare a tenere il fiato sul collo al Comune di Roma sui fatti dell'inchiesta "Mafia Capitale". L'inchiesta in cui gli esponenti di Pd e Forza Italia lucravano sui campi rom ed altri affari "sociali". Oggi andiamo dal Prefetto di Roma per consegnare altri documenti scottanti sulla vicenda.
Non mancate. Il 24 gennaio in Piazza del Popolo ci saranno i cittadini onesti.


lunedì 5 gennaio 2015

Oggi Napoli ed i napoletani perdono un pezzo importante della loro storia. Un artista che ha raccontato in musica, come nessuno mai, con allegria ed allo stesso tempo dolore, la Napoli che non si arrende.


Oggi Napoli ed i napoletani perdono un pezzo importante della loro storia. Un artista che ha raccontato in musica, come nessuno mai, con allegria ed allo stesso tempo dolore, la Napoli che non si arrende. Quella città che è una miscellanea di suoni e sentimenti che la rende unica. Mille colori nascosti da anni di abbandono e ruberie. Il mio omaggio a Pino Daniele ed a quello che rappresenta e rappresenterà per la musica lo voglio sintetizzare con una canzone che è un inno al riscatto ed al non arrendersi. Quel vento che arrivò inatteso e travolgente alla fine degli anni 70 ed è stato conosciuto ed apprezzato in tutto il mondo. Un vento che abbatte soprusi e ruberie.