venerdì 4 aprile 2014

Nel famoso "pizzino" tra me e Renzi dissi "ci vediamo alla prova dei voti".

Oggi 3 aprile la maggioranza approverà alla Camera una legge sulle province che dicono "le abolisce".
In realtà la Legge aumenterà di 30.000 unità i consiglieri comunali e gli assessori. Oltre a trasformare molte province in Città Metropolitane o Unioni di Comuni, lasciando in piedi l'apparato burocratico e delle società partecipate. Questo giochetto causerà un innalzamento complessivo dei costi, invece di un risparmio, come ha ribadito la Corte dei Conti.

Era a questo che mi riferivo: alla prova dei voti questi signori si smentiscono sempre.
Noi le province le vogliamo abolire con tre righe: "scompare la parola Province dalla Costituzione" stop.