mercoledì 31 luglio 2013

Risposta a Marchionne, sulla questione Alfa prodotte all'estero...

Per rispondere a Marchionne che oggi dichiarava : «Le condizioni industriali in Italia rimangono impossibili. Abbiamo alternative per produrre le Alfa ovunque...».

Gentile A.D. Marchionne,
questo lo possono affermare le centinaia di migliaia di piccoli e medi imprenditori che in questi anni hanno solo pagato tasse senza ricevere alcun servizio per le loro aziende. No di certo la Fiat che è stata imbottita di soldi pubblici (dei cittadini italiani) per delocalizzare all'estero produzione e posti di lavoro. Sono tutti bravi a fare gli imprenditori in questo modo: vantaggi privati e oneri pubblici.
Piuttosto che chiedere sovvenzioni allo Stato italiano minacciando licenziamenti, abbia il coraggio di avviare un piano di conversione aziendale: produzione per la green economy e mobilità sostenibile (auto per car sharing, navette, cogeneratori energetici, etc.). Chieda a questa maggioranza di Governo di spostare i soldi verso questo settore, piuttosto che verso il cemento per Tav e Expo. Minacci anche i licenziamenti, come solo lei sa fare...

Le assicuro che prenderemo due piccioni con una fava!

M5S presenta interrogazione sulla Consob di Vegas

Si tratta di una una interrogazione a risposta scritta (4/01353), al presidente del Consiglio dei ministri e al ministero dell’Economia e delle finanze. “La Consob è l’organo che vigila sul sistema finanziario e societario e, di conseguenza, garantisce il rispetto delle regole che incoraggiano e tutelano il risparmio e i risparmiatori – si legge nel documento – Proprio per questo, per tutelare il buon funzionamento di questo Ente, è necessario che i suoi membri siano competenti e indipendenti dal governo”.

Nella interrogazione si esplicitano dei dubbi in tutti e due campi sulla persona di Vegas. “Per quanto riguarda la competenza nell’atto ispettivo si elencano gli scandali che negli ultimi mesi hanno travolto il sistema finanziario italiano mettendo a repentaglio la solidità del sistema stesso, sul quale la Consob avrebbe dovuto vigilare adeguatamente – conclude Di Maio – Non è chiara poi quale possa essere l’indipendenza politica del presidente Vegas, più volte importante membro dei governi Berlusconi, nonché parlamentare del centrodestra per 4 legislature”.
La Costituzione è la casa dei nostri diritti. Quella che tiene dentro (al sicuro) ciò che possiamo pretendere o conquistare come cittadini, anche se ce li stanno togliendo uno ad uno.
L'Art 138 è la porta blindata di questa casa, che si apre solo con una chiave.
"Derogare all'Art 138" (come vuole fare questa maggioranza) significa buttare giù la porta a calci. Una volta entrati la ruberia è assicurata: lavoro, sanità. partecipazione, istruzione, privatizzazioni selvagge e chissà quanti altri saccheggi stile Grecia....
Il Movimento 5 Stelle sta sprangando quella porta, ma ci dovete dare una mano, non bastano solo i parlamentari. Serve consapevolezza, da diffondere a quanti più cittadini possibili.
Chi oggi non ha un lavoro, può ancora pretenderlo. Grazie alla nostra Costituzione.

Il mio intervento a "La Cosa" la Costituzione Italiana e la modifica dell'art.138


martedì 30 luglio 2013

ABBIAMO VOTATO IL DECRETO ECOBONUS

Il MoVimento 5 stelle voterà a favore del decreto sugli ecobonus. E’ un segnale politico importante: quando il Governo o altri partiti presentano proposte che rientrano nel nostro programma, noi non abbiamo alcuna preclusione o difficoltà a confrontarci e ad approvare tali proposte. Noi non abbiamo i pregiudizi che invece molti della maggioranza hanno mostrato di avere nei nostri confronti: se i provvedimenti di cui si discute sono validi, si può lavorare tutti insieme positivamente e in fretta per il bene del Paese.
Pur tuttavia ci sono elementi che non ci convincono. La ripresa economica richiede impianti normativi che consentano piani di lavoro aziendali pluriennali, mentre incentivi prorogati di sei mesi in sei mesi, come in questo caso, rappresentano una sorta di continuo stop and go che non aiuta in maniera adeguata né le aziende né le famiglie. Le aziende hanno bisogno di regole chiare e stabili per poter programmare la loro attività e i loro investimenti mentre se il quadro cambia di 6 mesi in 6 mesi si fa tutto più difficile e burocratico. Le aziende ci chiedono magari meno incentivi ma più duraturi in modo che possano pianificare meglio. E questo vale anche per le famiglie: chiedono anche loro più certezze per poter effettuare con maggiore cognizione di causa i loro acquisti nel tempo.
Noi abbiamo proposto che l’ecobonus al 65% per le ristrutturazioni energetiche fosse esteso per sette anni e abbiamo calcolato che così facendo si sarebbe incrementato il Pil dello 0,6% e si sarebbero creati circa 1,6 milioni di posti di lavoro. Ho la sensazione che questo sia il governo del fare pochino, un po’ di qua e un po’ di là, senza avere quella visione di insieme e quella prospettiva di lungo periodo per lo sviluppo del Paese che dovrebbe essere richiesta invece ad ogni Governo. Se mi posso permettere di dare un suggerimento, è ora di finirla con la politica dei piccoli passi: è ora di incominciare a correre!

Il video dell'intervista rilasciata al Fatto Quotidiano fuori Montecitorio con i cittadini

Ieri io, Alessandro Di Battista e Alessio Villarosa siamo usciti da Montecitorio per salutare i cittadini che si erano riuniti per ringraziarci delle 53 ore consecitive di aula a difesa della Costituzione.
Ecco il video dell'intervista rilasciata al Fatto Quotidiano ---> http://m.youtube.com/watch?v=F4sm5j7eqSo

Sul tema del giorno, la sentenza di Cassazione...

Oggi non sarò tra quelli che farà il tifo per una sentenza. Vorrei che la stabilità del Governo dipendesse dal merito delle sue proposte (valutate dai cittadini) e non dai processi di UNO SOLO degli oltre 680 parlamentari che lo sostengono.
Tra l'altro una sola persona che poteva essere dichiarata ineleggibile tanti anni fa, per il palese conflitto d'interessi che deteneva con le sue televisioni (ci serviva solo una vera opposizione in Parlamento...).
Berlusconi è il simbolo di un'era politica di conflitti d'interesse che coinvolge tutti i partiti. Quelli di B. erano i più evidenti, ma poi c'erano altri parlamentari, i consiglieri regionali, provinciali e comunali, di tutti i partiti che per anni hanno utilizzato le loro aziende e cooperative per dare posti di lavoro in cambio di consensi. Aziende e cooperative che lavoravano principalmente con enti pubblici in appalto o affidamento diretto. Tutte aziende che ora stanno fallendo, perché evidentemente insostenibili. E con loro scompaiono "i pacchetti" di voti.

È per questo che si è sempre protetto B., a tal punto che l'unica legge sul conflitto d'interessi in Italia l'hanno lasciata fare proprio a lui nel 2004...
Oggi quelle stesse forze politiche che si sono sempre dichiarate sue acerrime nemiche, sono dovute uscire allo scoperto per difendersi dall'arrivo del Movimento 5 Stelle. Per sopravvivere hanno dovuto unirsi palesemente (un po' come le aziende che si consorziano nei periodi di crisi).

L'importanza che le forze di maggioranza hanno dato a questo processo "mediaset" ha rischiato di diventare un'intimidazione per la stessa magistratura (così da tentare di sopravvivervi ancora una volta).

Fortunatamente questa gente non fa paura più a nessuno, perciò qualunque sarà l'esito dei processi, il declino di questo modo di fare politica (con l'inciucio) è in ogni caso inesorabile.

Il Movimento 5 Stelle mantiene sempre le promesse. Proposta di Legge presentata, in attesa della calendarizzazione. Stay Tuned.


lunedì 29 luglio 2013

Oggi sul Fatto Quotidiano

Intervista al Fatto Quotidiano, in edicola oggi.
Si parla della Costituzione e di cosa succederà a Settembre, abbiamo guadagnato un mese ma ora dobbiamo informare tutti i cittadini.




sabato 27 luglio 2013

Parlamento in MoVimento, oggi a Fabriano

Oggi sarò a Fabriano per portare vicinanza agli operai dell'"Indesit" (azienda che intende andare via dall'Italia dopo aver intascato contributi pubblici per anni), a breve andrò anche a Caserta (se gli operai lo vorranno). Parlerò della nostra battaglia sulla Costituzione che stiamo facendo in Parlamento.



Ieri grazie alle nottate di "costruzionismo" alla Camera abbiamo ottenuto un primo risultato: la votazione di questa violenza alla Costituzione è stata rimandata al 6-7-8 settembre (tenetevi liberi).

Non si farà più in piena estate...


Costituzione = diritto al lavoro!

Vinciamo noi!

Abbiamo ottenuto il rinvio delle votazioni sulla Legge Costituzionale. Il 7 e 8 settembre tenetevi liberi.
Vinciamo noi.
L'ostruzionismo ha funzionato.

Ennesimo DDL sulle Province

"Province senza poteri. È stato approvato dal Consiglio dei Ministri il disegno di legge che riguarda Città metropolitane, Province, Unioni e fusioni di Comuni e che ne rivede e ne svuota in parte i poteri in vista dell'abolizione dalla Carta Costituzionale."

Tenete presente che è un Disegno di Legge. Ovvero dovrà essere approvato dalle Camere. Come quello sui rimborsi elettorali con cui Letta fece propaganda politica per le amministrative e poi alla fine si è insabbiato in Commissione.

Immagino già i titoloni del giorno.

giovedì 25 luglio 2013

#‎nottexlacostituzione‬

Segui la diretta sul portale della camera > clicca qui <
Ore 10:00
Rush finale in aula, chiuderemo gli interventi verso le 12:30 circa. Con la seduta "fiume" di 50 ore si chiude il primo step per la Costituzione. Seguiteci.

Ore 9:00

32 ore ininterrotte di aula per difendere la Costituzione (io ne ho presiedute 13). Molti cittadini vengono a salutarci, ci sostengono e ci danno forza.
La modifica dell'Art 138 non è una riforma. Semplicemente elude le regole per modificare la Costituzione, tramuta il ferro in legno...
Alcuni non capiranno, penseranno che sia un capriccio il nostro. Ma la verità è che Pd e Pdl stanno assassinando le regole a guardia della nostra Costituzione e della sua rigidità.
Io ai miei figli voglio dire che c'ho provato fino alla fine, mentre pd e pdl facevano finta che non stesse succedendo nulla. Ma anche loro dovranno una risposta alle future generazioni...soprattutto se vinceremo noi.
Siamo in un momento storico, e come al solito non ce ne accorgiamo. Il M5S c'è!

Ps leggevo di un certo deputato Librandi (Udc) che sostiene che il nostro "costruzionismo" in aula sia costato un milione di euro per gli straordinari del personale. Vorrei rivelare un notizione: il personale non percepisce straordinari qui alla Camera.


Seconda notte in aula a Montecitorio per la Costituzione.
Continua l'elenco interventi.








 

I miei 2 interventi di questa notte





Ore 3:30

Sono al mio secondo turno di Presidenza dell'aula. Il primo dalle 24:00 alle 2:00, ora dalle 3:30 alle 8:00. Il terzo sarà alle 11:30.
Buongiorno a tutti.
‪#‎nottexlacostituzione‬


Ore 23:30

Il nostro Giuseppe D'Ambrosio organizza il piano di interventi in aula tutta la notte.
Più si allunga la discussione, più ci sono probabilità che per il ddl costituzionale si ritardi la dicussione. Non si può modificare la Carta Costituzionale in piena estate con 1 ora di discussione in commissione, toccando una delle parti immodificabili: l'art. 138.
A molti può sembrare una cosa di poco conto. Immagino già le peggiori riflessioni "qui la gente muore di fame e questi pensano alla Costituzione?"
Ebbene. Più si è esautorato il Parlamento in questo Paese, più ci si è impoveriti e affamati di diritti in questi anni. Più si è derogata la Costituzione più si sono persi diritti sia dell'imprenditore che dell'operaio. Provate a immaginare il futuro adesso...
‪#‎nottexlacostituzione‬

Ore 22:00
Staremo in Aula tutta la notte. Il M5S a difesa della Costituzione. Speriamo che con noi ci saranno tanti altri cittadini fuori, spero anche in tutti quei media preoccupati per le sorti della nostra Carta.
Potrete venirci a portare tutte le istanze che avete, potrete eleggere tutti i parlamentari che vorrete. Ma quando andrà in porto questa riforma (il semi presidenzialismo) i parlamentari seviranno a ben poco. Come il Parlamento...
La sola modifica dell'art. 138 (che si discuterà in piena estate) flessibilizzerà la Costituzione aprendo a scenari inquietanti sulla facilità di modifica di ben 58 articoli della Carta fondamentale.
Il mio appello va a tutti i Costituzionalisti che si ritengono "uomini" e non (in maniera autoreferenziale) "SAGGI".
Noi ci stiamo provando...aiutateci, aiutate la nostra Carta! ‪#‎aiutiamola‬

martedì 23 luglio 2013

(FOTO E VIDEO) La mia mattinata al Giffoni Film Festival

Questa mattina l'ho passata al Giffoni Film Festival dove sono intervenuto alla Master Class, una scuola di formazione della 43° edizione del Giffoni Film Festival.
I ragazzi con una grande sensibilità hanno aperto discussioni interessanti con domande dirette e spontanee, sono emersi importanti punti di riflessione. Dopo ho pranzato con i ragazzi del Giffoni provenienti da ogni parte del mondo, Francia, USA, India e altri. Gli ho chiesto la loro opinione sulle politiche e sui politici dei rispettivi Paesi e cosa farebbero come prima azione se fossero a capo della loro Nazione. Infine ho salutato i più piccoli nel teatro.

Il popolo di Giffoni è fantastico, il direttore Gubitosi un uomo unico.
L'unico consiglio che ho dato ai ragazzi oggi è stato di non perdere mai la speranza di poter cambiare le cose.
Essere arrabbiati va bene, bisogna arrabbiarsi, ma poi bisogna proporsi come soluzione, mettersi in gioco, PROVARCI!





sabato 20 luglio 2013

#5giornia5stelle - puntata 19 luglio 2013 DA CONDIVIDERE!

LUNEDÌ AL GIFFONI FILM FESTIVAL - dibattito con i ragazzi.

Lunedì 22 luglio Luigi Di Maio, vicepresidente della Camera, sarà al Giffoni Film festival invitato dal direttore Claudio Gubitosi. Il Giffoni film festival ha 43 anni e anche quest’anno accoglierà, dal 19 al 28 luglio, 3.500 ragazzi provenienti da 50 nazioni. I ragazzi giudicheranno film di tutto il mondo, discuteranno, e si confronteranno con le migliori intelligenze della cultura e dell’arte. Quest’anno, inoltre, il Festival prevede un contenitore, Masterclass Experience, all’interno del quale i giovani dai 12 ai 20 anni potranno incontrare i protagonisti della vita pubblica e della politica, rivolgere loro domande, proporre idee e conoscere a fondo la ‘macchina’ delle Istituzioni, un’esperienza che li aiuterà a crescere come cittadini attraverso le voci dei loro rappresentanti.

Ed è in questo ambito che il direttore Gubitosi ha invitato il Vice Presidente Di Maio, ad incontrare i ragazzi, che gli faranno delle domande sul suo avvicinamento alle Istituzioni e sul cosa significa per lui essere al servizio del Paese e dell’interesse nazionale.

L’incontro, che si svolgerà nella mattina, e si concluderà con un pranzo con i ragazzi, sarà condotta dal giornalista dell’Ansa, Teodoro Fulgione.

PROGRAMMA
http://www.giffonifilmfestival.it/programma-giffoni-film-festival-2013/22-luglio.html

INTERVISTA AL "WALL STREET ITALIA"

ROMA (WSI) - Luigi Di Maio e' il Vicepresidente della Camera dei Deputati. E' un simbolo istituzionale, politico e umano di quest' Italia che annaspa in cerca di novita' al fine di arginare il vecchio che avanza e la recessione che morde (seguendo i diktat della Troika Ue). E' di Avellino, ha appena compiuto 27 anni, si sta laurendo in Giurisprudenza. Come neodeputato del MoVimento Cinque Stelle possiede un'arma politica dirompente: la sua poltrona di potere per la prima volta pare davvero al servizio e in rappresentanza di noi cittadini. Ecco l'intervista del direttore di Wall Street Italia, Luca Ciarrocca, avvenuta a Montecitorio, a Luigi Di Maio.

DOMANDA: Onorevole Di Maio, come vice-presidente della Camera, cosa pensa della deriva presidenzialista che sta prendendo l'Italia? Il disegno di legge costituzionale approvato dal Consiglio dei ministri il 6 giugno 2013, che detta nuovi modi e tempi per la riforma della Costituzione in violazione dell’art. 138 della Carta, e' in verita' una legge grimaldello che fa saltare le garanzie e le regole che la Costituzione stessa ha eretto a sua difesa. In sostanza in diciotto mesi verranno cambiati forma dello Stato, forma di Governo, Parlamento e l’intero equilibrio fra i poteri dello Stato su cui riposano i diritti dei cittadini. E' cosi'?

RISPOSTA: "Per quanto mi riguarda, l’impianto della Costituzione del 1948 è intoccabile e, in effetti, la maggioranza e il Governo stanno rincorrendo un procedimento di revisionismo costituzionale che ha dell’eversivo e del quale penso tutto il male possibile.

Da un lato, stanno approvando a tappe forzate una legge che modifica le regole per modificare la Costituzione, che di fatto viene "flessibilizzata", mentre la rigidità della nostra Carta è uno dei principi fondamentali e immodificabili così come sancito più volte dalla Corte costituzionale. In altre parole scalzare l'art. 138 vuol dire calpestare la Costituente, affidare la modifica della Costituzione a una commissione non eletta ad hoc dal popolo vuol dire mettere a rischio le regole della democrazia.

Dall’altro lato, abbiamo i lavori di questo Comitato dei saggi, dei quali non viene data alcuna forma di pubblicità, se non a livello di "gossip". Sappiamo solo che l’autorevole costituzionalista professoressa Lorenza Carlassare se ne è andata sbattendo la porta. È anche pericoloso minimizzare le finalità di questo Comitato. Infatti, il Governo ha incaricato un consesso del tutto inedito e composto di persone elette da nessuno a elaborare un progetto di riforma preconfezionato nei confronti del quale il Parlamento avrà scarsissima possibilità di intervento.

Il "gruppo di ascolto del lunedì", perché è di lunedì che si incontrano i 35 Saggi, è un monumento all’autoreferenzialità accademica".

DOMANDA: Giudicando i lavori parlamentari di questi primi 3 mesi di legislatura, noi cittadini "normali" abbiamo l'impressione che il Parlamento sia totalmente esautorato e non funzioni. Cioe': nessuna legge viene approvata, e l'Italia legifera esclusivamente tramite decreti legge del governo, che poi sono a loro volta in attuazione di linee guida e diktat provenienti da Bruxelles e dall'Europa. Lei che ne pensa? Per i ciittadini non e' la negazione della democrazia?

RISPOSTA: "Come darLe torto! Al termine di una recente riunione del Consiglio Supremo di difesa, è stato diramato un comunicato nel quale si sosteneva che il Parlamento non ha alcun potere in merito all’acquisto degli aerei F35. Purtroppo, da Vicepresidente della Camera, mi sono ritrovato il solo a difendere la centralità del nostro Parlamento che è scolpita nella pietra dalla nostra Costituzione.

Con la nuova legislatura la musica non è cambiata. Il frutto avvelenato della seconda Repubblica ci ha portato dritti in braccio al professor Monti, quello del governo tecnico e dei 55 voti di fiducia in poco più di un anno. I risultati, poi, sono sotto gli occhi di tutti: il maggior innalzamento della pressione fiscale della storia. Per non parlare dei diktat della troika di Bruxelles che sistematicamente "bypassano" il Parlamento".

DOMANDA: Viste le enormi tensioni quotidiane che agitano la maggioranza PD-PDL (per noi la peggiore degli ultimi 50 anni di Repubblica Italiana) secondo lei sara' possibile, ad un certo punto, in caso di crisi di governo, un'alleanza tra PD e M5S, come sembrebbe non solo normale ma intelligente, in termini di strategia politica? Cio' ribalterebbe completamente lo scenariio per l'Italia. E il M5S farebbe un salto di qualita'.

RISPOSTA: "Il Partito Democratico e i suoi predecessori da vent’anni chiedono agli italiani il cosiddetto "voto utile" contro Berlusconi, ma in realtà l’hanno sempre salvato dalla celeberrima "bicamerale D’Alema" in poi, del cui naufragio si deve paradossalmente ringraziare Berlusconi, che ha fatto saltare tutto sulla giustizia, come Nanni Moretti insegna. Per non parlare del fatto, che anche con la bicamerale D’Alema si seguì un procedimento analogo a quello attuale di cui parlavamo prima. La storia si ripete sempre due volte: la prima volta come tragedia, la seconda come farsa".

DOMANDA: Per chi assegna pari dignita' a Economia e Politica, come i lettori di WSI, il Movimento 5 Stelle sembra oggi non sfruttare tutto il suo enorme potenziale, quello che gli elettori gli hanno affidato nelle ultime elezioni, con i 108 nuovi eletti alla Camera. Uno scenario auspicato e' che il M5S esprima entro poche settimane un nuovo leader o portavoce, e che un gruppo di dissidenti faccia una scissione per fondare un nuovo partito, tipo un Partito Indipendente, emancipandosi dai padri/padroni Grillo e Casaleggio, e soprattututto da quest'ultimo, il quale ha un visione populista internet-centrica, irrealistica e poco praticabile. Cosa ne pensa?

RISPOSTA: "Lo scenario da Lei delineato è fantascienza. Sul merito dei provvedimenti siamo sempre compatti e anche chi è uscito dal gruppo vota con noi.

A Grillo e Casaleggio va il merito di aver costruito questo MoVimento. A noi parlamentari l’arduo compito di risintonizzare il Palazzo con i cittadini.

Il MoVimento 5 Stelle è l’unica forza politica presente in Parlamento a difendere la centralità delle Camere e la Costituzione, che si sta battendo per il ripristino dei fondi alla cultura e alla scuola, che da quando è iniziata la legislatura ha tenuto oltre cento incontri con cittadini in difficoltà aprendo così le porte del Parlamento a tante realtà che non erano mai entrate. Lei se la immagina questa legislatura senza il MoVimento 5 Stelle? E il bello deve ancora venire…"

giovedì 18 luglio 2013

Il tappeto di Iqbal

Vorrei trasmettervi l'importanza di posti come questo nella nostra regione e soprattutto nei quartieri a rischio come quello di Barra/Ponticelli.

Queste realtà possono davvero fare la differenza, possono salvare una vita dalla criminalità e dalla droga con la prevenzione, prima che arrivino gli arresti.

Ho già chiesto l'incontro al Questore di Napoli che vedrò in questi giorni, spero vivamente che tutte le autorità competenti facciano il massimo per permettere a questa realtà, così come a tante altre presenti sul nostro territorio, di andare avanti e di preservarle perchè sono queste le realtà che possono fare la differenza!

 

mercoledì 17 luglio 2013

VIDEO - Conferenza stampa sui costi della Camera. Da vedere tutta! Di Maio - Fraccaro - Nuti

Oggi Io, Riccardo Nuti e Riccardo Fraccaro abbiamo tenuto una conferenza stampa sui costi della Camera e la proposta di "economia di guerra" da applicare in Ufficio di Presidenza.
Da vedere tutta.

Oggi pomeriggio sarò a Napoli incontro alla cooperativa sociale "Il tappeto di Iqbal"

Oggi pomeriggio sarò a Napoli alla cooperativa sociale "Il tappeto di Iqbal".
La cooperativa, non può piu utilizzare la palestra che la scuola le aveva concesso a Barra per insegnare attività circensi ai ragazzi della zona, ed in particolar modo a quelli a rischio.

Della vicenda è stato interessato anche il garante dell'Infanzia e dell'adolescenza, Vincenzo Spadafora.
Insieme si vuol capire come avere a disposizione gli spazi.

L'incontro è fissato davanti all'ex plesso Salvemini di via Mastellone alle 16:00.

martedì 16 luglio 2013

Incontro a Montecitorio con l'Associazione Giovani Penalisti di Napoli

Ieri ho incontrato a Montecitorio l'Associazione Giovani Penalisti di Napoli, insieme al Presidente dell'Ordine degli Avvocati di Napoli ed altri consiglieri e ricercatori. Durante l'incontro si è evinto a chiare lettere un solo messaggio: "I Governi la smettano di affrontare i problemi del Paese con Decreti Legge. Il Parlamento rivendichi la sua centralità e inizi a fare riforme serie attraverso provvedimenti organici".
Ormai tutti denunciano l'esautoramento del Parlamento. I risultati di 20 anni di decretazione d'urgenza sono stati devastanti e sotto gli occhi di tutti. Gli unici che stanno portando avanti questa battaglia sono i deputati e Senatori del Movimento 5 Stelle. Questo Paese cambierà se saprà sfruttare il potenziale del Parlamento (dove in 7 giorni si può fare una Legge).
Per quanto tempo ancora le alte cariche dello Stato saranno sorde a questo orecchio?

lunedì 15 luglio 2013

Il mio intervento a Catania, i primi 100 passi "in Movimento"


LA NORMALITÀ

Stamattina un giornalista (fuori servizio) mentre aspettavamo insieme il treno alla stazione di Napoli, mi ha chiesto: "ma come ci si sente ad essere tra i Vice Presidenti più apprezzati di Montecitorio. Addirittura l'Espresso ti ha citato. Hai solo 27 anni".
Io gli ho risposto (abbastanza imbarazzato) che faccio solo il mio dovere e cerco di farlo al meglio.
Spero però che la mia esperienza serva a far sentire meglio tutti i cittadini a dare speranza. Io non ho particolari capacità, sono "uno normale". La mia presenza su quello scranno dimostra che SI PUÒ FARE. Che tutti i cittadini dotati di vere motivazioni possono entrare nelle istituzioni e provare a cambiare qualcosa, riusciendo anche bene nel proprio compito.

Il cambiamento culturale di questo Paese passa per la normalità. A Catania sabato ho visto 30 Deputati M5S, in maniche di camicia, arrivati lì con un Taxi che spiegavano il loro piano per uscire dalla crisi a 1000 cittadini. Lo facevano con slide, appunti e numeri. Per quelli sono i Ministri del futuro governo: competenti e umili.
Insomma NORMALI.

domenica 14 luglio 2013

Maratona di 6 ore con i cittadini Siciliani!

Di ritorno da un fantastico incontro con i cittadini a Catania. Una "maratona" di oltre 6 ore in cui circa 30 tra Deputati e Senatori M5S hanno raccontato ai cittadini le cose già fatte in Parlamento e quelle che stiamo portando avanti. Un grazie a Giulia Grillo e a tutti i ragazzi del Movimento Catania. Organizzazione eccellente.
I cittadini insieme a noi fino alla fine.

venerdì 12 luglio 2013

Risposta al comunicato

In merito al comunicato apparso su Il Mattino online di oggi.

http://www.ilmattino.it/napoli/cronaca/pomigliano_donne_contro_grillo/notizie/303496.shtml

faccio presente che nella foto c'è già la proposta per la "commissione d'inchiesta sui fondi pubblici alla Fiat" che è stata fatta pervenire al "Comitato Mogli Operai Fiat" oltre 15 giorni fa attraverso una loro componente "Maria M". Una proposta che ha coinvolto i membri M5S della Commissione Lavoro alla Camera e l'ufficio legislativo del gruppo.
Da allora nessuna risposta ufficiale. Per vie ufficiose ci chiedevano di far analizzare ad un loro legislativo la proposta di deliberazione, poi inviataci ad inizio settimana. Ora si sta valutando anche l'ipotesi che diventi una commissione bicamerale d'inchiesta.

Capisco che attaccare il Movimento 5 Stelle porti visibilità. Ma per il resto esistono i telefoni e ci siamo scambiati già i contatti tempo fa.

Chiederò ovviamente ad Il Mattino diritto di replica. Constato però la scorrettezza di fare un comunicato "contro" mentre è in atto la collaborazione richiesta dal Comitato stesso.

Faccio presente che andremo avanti in ogni caso con la proposta di commissione d'inchiesta, perché riteniamo sia una proposta valida per mettere in evidenza l'ingiustizia compiuta negli anni, ai danni dei tanti imprenditori italiani che con le loro imprese hanno solo dato soldi allo Stato senza mai percepire nessun agevolazione. IE soprattutto evidenzia il comportamento quantomeno indegno di un'azienda che ha ricevuto tanto dai cittadini italiani ed ora sta "sbaraccando".

Con queste strumentalizzazioni non si aiuta a risolvere la delicata questione degli operai Fiat. Confido nella lucidità di chi tiene a cuore questa tematica.

mercoledì 10 luglio 2013

L'INVOLUZIONE SILENTE DEL NOSTRO PAESE

E' in atto una INVOLUZIONE silente del nostro Paese, non è quella della sospensione dei lavori dell'aula, dei parlamentari che manifestano fuori ad un tribunale o della mancanza di pudore di chi asseconda Berlusconi in tutte le sue scelte. La vera INVOLUZIONE è la modifica della Costituzione, un golpe silente che si farà in piena estate, che è in discussione ora in Senato e il 15 luglio arriverà alla Camera per essere discussa il 29 luglio. Ci sarebbero tante cose da dire su queste modifiche, ad esempio che intervengono sulle "regole del gioco". Si stanno modificando le regole per poi modificare la Costituzione (l'art 138).
Inizierà una strenua difesa del M5S per evitare che si vizi di incostituzionalità qualsiasi modifica alla Costituzione stessa.
Non si può dire "ristrutturiamo la casa" e poi le togli le fondamenta, perché non la stai ristrutturando, la stai abbattendo!

Stiamo in campana. Sarà un'estate molto importante per la democrazia, per la Repubblica e soprattutto per la salute economica di questo Paese.
In questi anni ci hanno detto che "in Parlamento si discute troppo ed è quindi troppo lento, per questo il Paese va in malora. Ergo ci vuole il Presidenzialismo".... Mi dispiace deludere i sostenitori di questa teoria, ma la verità è che il Parlamento lavora troppo poco: dall'inizio della Legislatura non è stata approvata neanche una Legge di iniziativa Parlamentare (non fanno testo quelle che istituiscono commissioni d'inchiesta o ratificano trattati internazionali), nella passata Legislatura la media di approvazione delle Leggi era di una ogni anno e tre mesi (nonostante Berlusconi avesse una maggioranza bulgara). La gran parte del tempo il Parlamento lo passa a ratificare i provvedimenti del Governo, ovvero i provvedimenti che vengono emanati da poche persone (non elette dal popolo) e semplicemente ratificati da circa 1000 parlamentari (questi si eletti e PAGATI DAL POPOLO, per fare i notai?).
Il potere nelle mani di pochi a discapito dei rappresentanti dei cittadini che siedono in Parlamento. Bene, ho appena descritto cos'è il "PRESIDENZIALISMO DI FATTO", con il quale hanno governato l'Italia da almeno 20 anni e grazie al quale, a suon di decreti-legge governativi, è stata ridotta in queste condizioni.

LE MODIFICHE CHE SI VOGLIONO APPORTARE ALLA COSTITUZIONE sono proprio queste, un semi-presidenzialismo (con la scusa che "serve far presto").
Sciocchezze. Diffidate da chi dice che è il Parlamento la causa dei mali dell'Italia. E' l'esatto contrario. E' il non-funzionamento del parlamento che causa danni economici, corruzione e sprechi. IL PIU' GRANDE AUMENTO DI TASSE IN ITALIA l'abbiamo avuto sotto il Governo "Monti", quello con più potere della storia repubblicana. 55 voti di fiducia, è stato un anno di Presidenzialismo assoluto.

Il Parlamento è in condizioni di approvare Leggi da SUBITO, il Lodo Alfano è stato votato in 7 giorni. Ma il punto è che non lo si vuole far funzionare, perché troppe teste a "controllare", troppe teste a decidere, diventano pericolose. Se l'opinione pubblica percepisse tutto il potenziale del Parlamento, faremmo la più grande rivoluzione pacifica della storia, con una X in cabina, eleggendo gente che vuole lavorare davvero.

Oggi Alessandro Di Battista piangeva in Piazza... http://goo.gl/TyiIk
ci sono tanti motivi per battersi ancora, e ci sono tanti strumenti che si possono adottare in Parlamento in difesa del nostro sistema democratico. Ma capite che quando queste cose le vedi da dentro, un po' di sconforto ti viene...

LA MIA RISPOSTA ALLA VICENDA CHE COINVOLGE LA FIAT DI POMIGLIANO E IL VESCOVO DI NOLA.

"Le strumentalizzazioni diventano facili ogni qualvolta si prendono le parti di un gruppo di persone in difficoltà. In questi anni politica locale e nazionale, una parte dei sindacati e certa stampa, hanno attaccato spesso gli operai. Il gioco era molto semplice, quasi naturale: oggi gli operai di Pomigliano sono stati, per scellerate politiche sul lavoro, divisi in 5/6 categorie. Quelli assunti (e per fortuna che ci sono), quelli in cassa integrazione ordinaria, quelli in cassa integrazione straordinaria, quelli dell'indotto, quelli a tempo determinato, quelli a progetto. Ogni volta che si prendono le parti di una di queste categorie (molto spesso le Parrocchie locali - in questo caso il vescovo - scendono al fianco dei più disperati, e confesso che non colgo cosa ci sia di male, sarebbe uno scandalo il contrario), si gioca a mettere tutti contro tutti. Io credo che gli operai di Pomigliano siano una cosa sola. Le forze sane del territorio si stanno adoperando per aiutare tutti quelli che chiedono aiuto. Ho visto commercianti e imprenditori sostenere gli operai, proprio perché consapevoli che se muore la fabbrica muoiono anche loro. Accusare di violenza chi in realtà è disperato, e utilizza ancora e solo, tutti gli strumenti garantiti dalla Costituzione per reclamare un diritto: ‘il lavoro', secondo me è una istigazione alla violenza, proprio in un momento sociale così' delicato. Ho sempre apprezzato il contegno degli operai di Pomigliano, che nonostante le tante illusioni e passerelle della classe politica locale, continuano a sperare in una ripresa che a mio avviso passa per la conversione delle produzioni (sfruttando l'obiettivo europeo smart cities) e il reddito di cittadinanza.
Argomenti per i quali ci stiamo battendo in parlamento e per i quali agli inizi di settembre a Pomigliano il Movimento 5 Stelle darà subito applicazioni e dimostrazioni pratiche, con progetti ad hoc.

sabato 6 luglio 2013

I RISULTATI DELLO SPAZZATOUR 2013 - VARATE DUE IMPORTANTI LEGGI IN REGIONE

clicca sulla foto per andare al video
Quelli in basso a destra sono i pullman dei Parlamentari M5S. Quella che vedete è la vergognosa distesa di ecoballe (poco eco e molto balle) sul territorio di Giugliano (grande quanto 300 campi di calcio(video)).
Il frutto della non-politica del PD per 20 anni in questa regione. E della non-opposizione del Pdl negli stessi 20 anni. Questa è la terra dei tumori (+40% in 10 anni), dei roghi che non ti fanno respirare, dell'acqua inquinata dal percolato delle discariche "a norma".

Ieri oltre 70 parlamentari hanno partecipato allo spazzatour 2013 nella regione campania, 60 giornalisti (locali e nazionali) che ringrazio tutti e altrettanti attivisti. Un abbraccio anche ad "ISDE medici per l'ambiente" a bordo con noi. Nei siti dove ai cittadini era vietato entrare, oggi vengono aperti tutti i cancelli, si possono usare le telecamere per documentare le irregolarità degli impianti, per raccogliere dati e poi utilizzarli nelle commissioni parlamentari d'inchiesta sui rifiuti.

COSA ABBIAMO OTTENUTO?
- sensibilizzare media e cittadinanza sul tema troppo spesso ignorato. Grazie mille alle testate che vi hanno dato ampio risalto.

- spiegare ai cittadini la nostra PROPOSTA DI LEGGE "MICILLO" (già in discussione nella commissione giustizia) sull'inasprimento dei reati ambientali. E la nostra mozione per le bonifiche.

- far raccogliere dati e informazioni in discariche militarizzate e inaccessibili a giornalisti e cittadini

- FARE PRESSIONE sull'ente Regionale per individuare una seria strategia di gestione dei rifiuti. E qui qualcosa si è mosso... La REGIONE CAMPANIA PROPRIO DURANTE LO "SPAZZATOUR" HA APPROVATO DUE LEGGI SUI RIFIUTI da troppo tempo insabbiate. Leggi qui http://goo.gl/Ec0Zb
Mai sottovalutare queste azioni. Andiamo avanti.

 

giovedì 4 luglio 2013

Quanto successo ieri in aula.



Io farò applicare sempre il regolamento con chiunque lo violi (Art 59 e 60 regolamento). Nulla di personale verso alcun Deputato o sul merito della protesta in Aula.

Caldoro si dimetta!

Il Presidente della Regione Campania Caldoro si dimetta, sciolga il Consiglio Regionale e permetta ai cittadini Campani di esprimersi su questa vicenda con nuove elezioni.
Siamo di fronte ad un altro "caso Lazio" sui rimborsi ai gruppi regionali. Alla fine la Polverini fu costretta a dimettersi nonostante le resistenze iniziali. Caldoro non si preoccupi, come per la Polverini oggi, anche lui avrà un posto in Parlamento assicurato nella prossima legislatura.
Liberiamo la Campania dai "fiorito" di turno.

martedì 2 luglio 2013

La Cosa: Di Maio e Nuti (M5S): colpo di mano in estate per cambiare la Costituzione


RESTITUZIONE STIPENDIO fatto! 11009,00 € restituiti.

(n.b le spese di esercizio di mandato non utilizzate le recupera direttamente la Camera dei Deputati. Tutto il resto lo restituiamo direttamente allo Stato.)
La restituzione delle eccedenze di diaria e indennità viene fatta ogni 3 mesi.
Per questi primi 3 mesi di stipendi ricevuti restituisco 11009,00€.


Sono felice di sapere che una parte del mio stipendio servirà a pagare qualche pensione o posto letto ospedaliero in più.
Siamo l'unica forza politica che riduce il debito invece di aumentarlo.


"Se i partiti adottassero lo stesso codice di comportamento del M5S ogni anno si potrebbero risparmiare 40 milioni di euro. Il M5S è l'unico MoVimento politico che, anziché aumentarlo, riduce il debito pubblico degli italiani. Si stanno concludendo in queste ore le operazioni di restituzione delle eccedenze sugli stipendi e sulle diarie, calcolate dal 15 marzo alla fine di maggio, oltre alla rinuncia totale a ogni indennità di carica percepita. La cifra supererà abbondantemente il milione e mezzo di euro, versati nel fondo di ammortamento del debito pubblico, alla quale hanno contribuito la totalità dei parlamentari M5S.
Le differenze rispetto alle cifre individualmente restituite non necessariamente dipendono dalla virtuosità personale, ma più che altro dalle circostanze nelle quali gli eletti hanno esercitato il loro mandato. Molti eletti hanno dovuto affrontare ingenti spese iniziali una tantum, come caparre per l'affitto di una abitazione, spese di agenzia immobiliare, hotel e simili per cui, rispetto a chi è favorito dalla residenza, ad un occhio poco attento potrebbero apparire meno virtuosi. Il controllo sulla coerenza delle spese sostenute verrà esercitato dai cittadini e dalla Rete, dove le voci di spesa individuali verranno pubblicate, come da accordi elettorali. Questo atto che segna la storia nel cammino della politica italiana verso la trasparenza e la corresponsabilità." M5S Camera e Senato

lunedì 1 luglio 2013

SpazzaTour nella Terra dei fuochi con i Parlamentari 5 stelle - 5 Luglio

La Ministra Lorenzin non sa di cosa parla e non mi meraviglia.

C'è sempre tempo per recuperare: venerdì la invito a salire sul pullman insieme a me e tutti i parlamentari del M5S per il tour della "Terra dei Fuochi". Faremo un giro tra le principali fabbriche di morte della Campania (discariche, terreni inquinati e zone da evacuare). Spiegheremo ai cittadini il nostro percorso parlamentare per affrontare la questione. In 10 anni le patologie tumorali si sono impennate del 40%, altro che stili di vita...
Spero che la Ministra accolga l'invito, è un'occasione imperdibile per guardare con gli occhi il genocidio che si sta consumando in Campania.

nella foto la risposta del coordinamento comitati fuochi (realtà fuori da logiche partitiche che si batte da anni sui territori inquinati)


Come restare informato sulle mie attività...

Tutti i wee-end li dedico a fare incontri sul territorio puoi seguirli e partecipare dal calendario condiviso lo trovi >>> qui <<<